Quanto Guadagna un Panettiere in Italia al Mese: La Retribuzione Media

La domanda principale su cui si basa questo articolo è Quanto guadagna un panettiere in Italia, quant’è lo stipendio medio mensile riferito a questo mestiere antico, che non è solo un lavoro ma un’arte.

Prima di rispondere a quanto può guadagnare un panettiere, ci sono diversi punti da chiarire e li chiariremo per capire l’attuale realtà in Italia in termini di domanda ed offerta del fornaio notturno.

Cosa offre il mercato del lavoro, in questo senso, e quanti hanno la vocazione di fare il pane per mestiere? E’ vero che la grande richiesta di panettieri non trova riscontro con un’adeguata offerta di giovani e meno giovani disposti a fare un lavoro che, se da una parte, richiede sacrifici, dall’altra è redditizio ed è anche uno dei mestieri senza laurea (e diploma) più quotati?

Leggi ancheCome creare una Start-up

Se, nel mese di aprile scorso, Oberdan Cappa – ex produttore di band indipendenti (99 Posse, tanto per dirne una) – dopo 25 anni di tour, concerti e supporto a personaggi come Ron, Fabri Fibra, Eugenio Bennato o Caparezza, ha deciso di mollare tutto e di cambiare vita per fare il pane (come si faceva un secolo fa) aprendo un forno a Bologna, un motivo deve pur esserci.

L’onore e l’onere di fare il pane

quanto guadagna un panettiere

Fare il pane è un’arte, indipendentemente dal fatto che il panettiere sia un lavoratore dipendente o autonomo. Questo mestiere assicura una certa stabilità perché, al di là di qualsiasi crisi, il pane è vita ed è il bene di consumo primario per eccellenza.

Prima di scoprire assieme quanto guadagna un panettiere, vediamo quanto sacrificio costa.

Il rovescio della medaglia di un mestiere che non conosce crisi è dato dagli orari di lavoro notturni: spesso, si inizia il lavoro all’una di notte e si termina alle nove di mattina, ma il più delle volte si inizia alle 4 di mattina.

Turni del genere portano a dover riorganizzare completamente la propria vita, a sentirsi liberi di giorno ed impegnati la notte.

Rispetto al passato, però, questo mestiere è sicuramente meno faticoso. Oggi, la fase produttiva del pane è stata notevolmente alleggerita dalla tecnologia: il panettiere è supportato da impastatrici automatiche professionali, forni a gas computerizzati, lievitazione programmabile.

Non si può, di certo, dire che il pane lo fanno le macchine: l’intervento umano resta indispensabile, la scelta ed il dosaggio degli ingredienti, il controllo, ecc., ma è doveroso ammettere che il mestiere di panettiere, oggi, risulta più facile da eseguire.

Quanto guadagna un panettiere in Italia?

quanto guadagna un panettiere al mese

Insomma, l’onore e l’onere di fare il pane l’abbiamo scoperto. Ora, torniamo alla domanda iniziale: quanto può guadagnare un panettiere al mese? La retribuzione mensile di un panettiere in Italia ripaga dei sacrifici, di una vita stravolta dagli orari notturni e dall’impegno?

Un panettiere qualificato può intascarsi 2.000 euro netti, ma può anche arrivare a guadagnare uno stipendio di 2.500-3.000 euro al mese.

Per vivere tranquilli con uno stipendio di tutto rispetto come questo, servono due cose: la voglia di sacrificarsi lavorando di notte e puntare sulla qualità del pane prodotto per far fronte ad una concorrenza spietata.

Un panettiere che volesse lavorare autonomamente dovrà preventivare un investimento di 50-100.000 euro, se pensiamo che, per allestire un panificio ex novo (suddiviso tra spazio per la vendita e laboratorio), sono necessari almeno 70-100 mq di locale.

Volendo rilevare un’attività già avviata, l’investimento salirà a circa 150.000 euro.

I corsi di formazione per diventare panettiere

lo stipendio di un panettiere

Quanto può guadagnare un panettiere al mese ora lo sappiamo.

Ciò che non abbiamo ancora specificato è come si diventa panificatori o panettieri.

Nonostante la predisposizione, il talento o la vocazione, il panettiere deve seguire dei corsi, un preciso percorso didattico.

Le opportunità per formarsi ed ottenere il Diploma di specializzazione sono:

  • Seguire corsi di formazione professionale organizzati su tutto il territorio nazionale (come quelli di com, corsopanettiere.it, scuolapanificatori.com);
  • Frequentare l’Istituto professionale per l’Arte bianca;
  • Rivolgersi all’Associazione Italiana dei Panificatori (Assipan), per avere tutte le possibili informazioni sulla figura professionale del panettiere.

I corsi di formazione prevedono anche l’uso di diverse strumentazioni elettroniche abbastanza sofisticate che è necessario saper usare.

Oltre alla preparazione scolastica, è fondamentale anche un periodo di formazione da apprendista.

Gli italiani si chiedono quanto guadagna un panettiere in Italia?

All’annuncio ‘cercasi fornaio’ pare siano pochi gli italiani pronti a rispondere, disposti a fare sacrifici in termini di orari di lavoro notturni (alias levataccia alle 4 del mattino, spesso anche nei week end) per impastare e cuocere il pane.

Non siamo noi a dirlo ma un’inchiesta di qualche tempo comparsa su Panorama in cui è stata pubblicata la seguente dichiarazione di Roberto D’Intino, dirigente abruzzese di Assipan: “I nostri associati faticano spesso a trovare manodopera, fare il fornaio interessa a poche persone… si lavora di notte, mentre gli altri dormono o sono a divertirsi”.

Non solo non si trova manodopera qualunque ma è difficile trovarne di qualificata. E’ più facile trovare giovani stranieri disposti a lavorare come cuochi o panettieri.

C’è chi non la pensa così e sottolinea, invece, che non si trovano offerte di lavoro (su giornali o siti di annunci, come su Subito, o davanti alle botteghe in cui si produce il pane) ma solo corsi di formazione a pagamento (anche piuttosto costosi o sottoforma di e-learning con formazione anche a distanza), che svelano ‘segreti’ per diventare panettiere professionista ma non danno la certezza di un posto di lavoro futuro.

Chi denuncia questa strana realtà crede che la notizia evidenziata da certa stampa sulla presunta mancanza di panettieri nei forni venga diffusa appositamente per pubblicizzare indirettamente questi corsi privati. Andate a caccia di annunci e giudicate voi stessi: le inserzioni per la ricerca di panettieri si riferiscono solo a panettieri esperti, in grado di lavorare autonomamente.

Prima di concludere leggi anche:

Conclusioni

quanto può guadagnare un panettiere in italia

“Quanto guadagna un panettiere” in Italia, quant’è lo stipendio medio mensile di chi decide di fare il pane lanciandosi in uno dei mestieri più antichi del mondo?

Prima di scoprire quanto può guadagnare un panettiere al mese, abbiamo voluto arricchire questo articolo di curiosità e consigli relativi ai corsi di formazione, ad istituti ed associazioni cui rivolgersi per diventare un panettiere qualificato ed esperto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*